Category: Riflessioni personali

Dal mio Libro “Sensibilità” – Capitolo sulla Musica

Sensibilità

In questo articolo riporto un capitolo estratto dal mio libro Sensibilità, breve saggio biografico che ha scatenato brutte polemiche contro di me, pur essendo incredibile ritenere un’opera del genere degna di tanta avversione con delle semplici recensioni su Amazon. Lascio giudicare a voi se il mio tono è “superbo e arrogante”, parole che una tale Roberta Magliocca ha avuto la maleducazione di usare contro questo mio libro. Lascio giudicare a voi, spero con animo sereno.[...]

L’articolo ti Interessa ?   Continua a leggere

L’arroganza dei docenti universitari

Li chiamano Baroni. Elitari, arroganti, glaciali, maleducati, irriguardosi verso gli altri e verso il loro pubblico di riferimento, gli studenti universitari. “Non c’è confronto, non c’è dialogo, non c’è rispetto. Sembra che molti docenti universitari delle Facoltà italiane facciano “un favore” agli studenti, quando presiedono i colloqui d’esame. Il risultato di tutto questo è solo amarezza e sfiducia. C’è chi fa sacrifici per pagarsi l’ istruzione e poi si sente preso in giro.
A molti docenti manca professionalità, perché, al di là della necessaria dose di umanità ed educazione in un lavoro in cui si è costantemente a contatto con i ragazzi, ci sono impegni fissi che vanno rispettati. Nonostante gli alti stipendi, dimostrano scarsa disponibilità a comunicare con gli studenti, non si presentano alle lezioni, né ai ricevimenti, non rispondono alle mail, cambiano all’ultimo le date di esami. Troppi sarebbero i casi da raccontare. Professori senza rispetto e senza umanità, convinti di essere intoccabili dall’alto della loro cattedra.”[...]

L’articolo ti Interessa ?   Continua a leggere

Angelo, 47 anni, ucciso dall’indifferenza della Società Cattiva

Una storia che fa riflettere sul nostro sistema sociale

Quando non hai un lavoro, quando non hai una casa, quando non paghi le tasse e non chini la testa al sistema dominante, diventi automaticamente un RIFIUTO per la società stessa che si regge sullo sporco denaro. Abbiamo costruito un mondo senza cuore, arido, malato e crudele.

Quello dei barboni o senzatetto, è sempre stato un olocausto invisibile, o meglio dire SOCIALMENTE ACCETTATO, perché ad uccidere non sono le pallottole dei fucili, ma l’indifferenza della gente, istituzioni in primis, che non solo ignorano la grave situazione di queste persone, ma contribuiscono anche al loro isolamento, è il caso di chi mette i divieti di dormire sotto i portici delle città, di chi fa costruire panchine “blindate” affinché questi ESSERI UMANI non possano dormire su di esse e tante altre azioni ignobili e crudeli.[...]

L’articolo ti Interessa ?   Continua a leggere

Una riflessione colta su Gesù

Riporto adesso un articolo del Prof. Piergiorgio Odifreddi, noto logico, matematico e saggista piemontese. Odifreddi ha insegnato nelle Università di tutto il Mondo, oltre che a Torino. Esperto di logica e di matematica d’alto livello legata al mondo dell’informatica, è celebre per i suoi scritti sulla religione. Su questo delicato argomento, è stato protagonista di polemiche con il mondo dei credenti, arrivando allo scambio epistolare addirittura con Papa Benedetto XVI. Il Papa emerito rispose per iscritto alle osservazioni del docente piemontese, sempre su temi strettamente religiosi. Ovviamente il loro scambio fu estremamente lucido, serio e nel massimo rispetto reciproco, come è confacente al libero dialogo tra credenti e non credenti, che siano persone civili, intelligenti e colte.[...]

L’articolo ti Interessa ?   Continua a leggere

Intervista per il Libro “Sensibilità” – Sito ‘Recensioni per Esordienti’

Di seguito l’intervista che mi ha fatto il sito recensioniperesordienti.it – Un sito che come dice il nome, si occupa di scrittori con i loro primi lavori. Un palcoscenico utile per iniziare a farmi conoscere oltre la cerchia delle conoscenze e dei miei lettori.

Dopo aver letto il romanzo “Sensibilità”, l’autore Roberto Di Molfetta ha risposto così alle nostre domande.

Sin dal sottotitolo (“Sentire immensamente le cose non è un difetto”), il tuo libro sembra voler “difendere” e riaffermare un modo di essere oggi considerato “perdente”, “superato”: è una corretta interpretazione, dalla tua prospettiva di autore?[...]

L’articolo ti Interessa ?   Continua a leggere